Sondaggio: all’ex-caserma i giovani di Losone vorrebbero veder realizzato…

Sondaggio: all’ex-caserma i giovani di Losone vorrebbero veder realizzato…

In occasione dell’assemblea sezionale di mercoledì 20 gennaio verrà presentato il rapporto sul sondaggio promosso dalla sezione lo scorso autunno. Con esso si è voluto chiedere ai giovani elettori, di età compresa fra i 18 e i 35 anni (nati fra il 1980 e il 1997), cosa vedono nel futuro dell’ex-caserma di Losone. Il sondaggio lasciava libero spazio alla riflessione per permettere ai destinatari dei esprimere le proprie visioni, aspettative e desideri.
Per analizzare le risposte è stato creato un apposito gruppo, a cui hanno partecipato Nathalie Ghiggi Imperatori, Chantal Montandon, Enrico Nazzaruolo, Andrea Porrini, Romolo Pawlowski, Aron Ramazzina e Lucia Zamaroni, giovani residenti a Losone e attivi in diversi ambiti professionali e associativi.
Sono rientrate 139 cartoline (circa il 15%), che permettono di disporre di un campione rappresentativo, la maggior parte contenenti idee e proposte dettagliate e realizzabili.
Le risposte sono state classificate in cinque categorie principali:
Sport, tempo libero, famiglie: il 40% delle risposte indica il sedime dell’ex-caserma idoneo per sviluppo di progetti a carattere sportivo e ricreativo. Si chiede spesso che le infrastrutture sportive vengano aperte alla popolazione – e non esclusivamente allo sport d’élite – e, oltre alla più volte prospettata realizzazione di una pista di ghiaccio coperta, si propone di accogliere discipline poco presenti nel Locarnese e in Ticino (si citano per esempio bmx, rugby, go-kart coperto, street-hockey, arrampicata…) per rispondere alla domanda di nuovi potenziali utenti che oggi non hanno la possibilità di praticare il loro sport. Il binomio sport e tempo libero ritorna in diverse risposte; interessante la proposta di creare un parco giochi per bambini coperto. Non manca neppure chi chiede di combinare lo sport alla formazione.

  • Cultura, spettacoli, eventi: in questa categieria rientrano risposte molto variegate, come la creazione di un museo o un centro culturale capace di accogliere oltre a mostre, esposizioni, ecc. anche associazioni locali, attività giovanili, sale per musica, concerti, eventi e manifestazioni. Si parla qui pure della porta d’entrata del futuro Parco Nazionale del Locarnese.
  • Anziani: circa il 12% delle proposte si orienta per un intervento a favore degli anziani, per esempio case di appartamenti o una casa anziani supplementare. Una solidarietà intergenerazionale che si manifesta in modo chiaro, esprimendo in più frangenti il desiderio di conciliare le attività per gli anziani a quelle per giovani e bambini.
  • Accoglienza: un decimo quasi dei giovani vedrebbe di buon occhio il mantenimento di una struttura di accoglienza, soprattutto in caso di emergenze umanitarie.
  • Altro: in questa categoria sono state raccolte le singole proposte che non rientravano nelle categorie presentate sopra, volte alla creazione di strutture a scopi turistici o formativi.
    L’aspettativa comune è delineata chiaramente. I giovani chiedono che l’acquisto e la pianificazione del futuro dell’ex-caserma abbia come obiettivo la valorizzazione del territorio e uno sviluppo a favore dell’insieme della popolazione di Losone e della regione.

In conclusione, riteniamo che tramite le loro risposte i giovani losonesi chiedano alle autorità una pianificazione lungimirante e nel contempo sostenibile dal profilo finanziario, sociale e ambientale. In particolare, dal sondaggio emerge il desiderio che anche a Losone venga concepito un polo specializzato, una sorta di “quartiere dello sport e della cultura”, capace di dare un significativo valore aggiunto alla realtà comunale, creando un indotto sul tessuto economico locale e aumentando la qualità di vita dei cittadini.
La sezione PPD+GG, dopo la presentazione del rapporto alla propria assemblea, invierà al Municipio una lettera per presentare i risultati dell’inchiesta; sta inoltre valutando come comunicare i medesimi alla popolazione di Losone.